La bella avventura del Risorgimento

In questo periodo si fa un gran parlare dei 150 anni dell’Unità d’Italia. Quale occasione migliore per partecipare al sulla storia, proposto da Palmy?

Personalmente sono sempre stata una fan del Risorgimento Italiano, che credo sia stato uno dei periodi più gloriosi per la nostra martoriata Penisola. Ma non avevo mai riflettuto veramente sui protagonisti del Risorgimento. I nomi che ci risuonano dalla scuola sono quelli di Cavour, Mazzini, Garibaldi. Ma che dire, ad esempio, di Goffredo Mameli, l’autore del nostro inno nazionale, “Fratelli d’Italia”? Era un giovane che morì a soli 22 anni, in seguito all’amputazione della gamba, ferita in battaglia. E Luciano Manara, al quale è intitolato un liceo classico di Roma? Morì a 24 anni durante la difesa della Repubblica romana (1849), dopo essere stato fra i protagonisti delle cinque giornate di Milano. Gli stessi Mille della spedizione Garibaldina comprendevano molti adolescenti, infervorati dall’ideale Italiano.

Insomma, il Risorgimento, così come tanti avvenimenti della storia, è roba da ragazzi; nel senso che ne sono state protagoniste persone giovani o giovanissime. Oggi, al confronto, viviamo in un gerontocomio… E’ vero che la storia, come dicono gli psicanalisti, ha a che fare con il senso della morte e, quindi, di solito non è troppo amata dagli studenti. Ma è anche vero che, guardando il passato, ci si domanda per tempo “che cosa voglio fare della mia vita, prima che siano gli adulti a deciderlo? Per quali pensieri, emozioni, ideali, vale la pena vivere e, a volte, morire?”. Potrebbe essere una valida chiave di narrazione.

Meditate, insegnanti, meditate…

Annunci

Informazioni su tatagioiosa

Dentro di me sono sempre stata una tata, fin da bambina quando accudivo e cullavo le bambole come se fossero vere. Nel frattempo ho girato il mondo, ho scritto e letto tanto per lavoro e per passione, ho cresciuto e sto crescendo figlie insieme ad uomo davvero speciale. La tata che è in me mi ha portato su una nuova strada, fatta di asili, filastrocche, gesti sensati, lontani dalla quotidianità come la conosciamo tutti.
Questa voce è stata pubblicata in Scuola e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a La bella avventura del Risorgimento

  1. Palmy ha detto:

    Grazie di questo spunto di riflessione, hai trovato libri o siti interessanti a tal proposito?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...