Quando un gatto nero ti attraversa la strada

Non ho mai sopportato i gatti e adesso li adoro. Sono cresciuta con l’avversione all’odore felino, allo sguardo indifferente, al vago timore di malattie trasmissibili.

Ora tutto è cambiato nel nostro rapporto. Sono quasi diventata un “gattara”, come si chiamano a Roma le donne che se ne vanno in giro per strada a dar da mangiare ai gatti. Nel mio caso, sono loro che ci vengono a trovare con somma gioia di mia figlia che ci passa pomeriggi interi, anche ora che è inverno. Sono gatti di strada e per questo molto giocherelloni e sempre in cerca di qualche buon bocconcino. Tutto questo è successo grazie a lui: Non ha mai avuto un vero nome, ma la prima volta che l’ho visto aveva attraversato la strada impavido per venirsi a rifugiare proprio sotto una pianta del nostro giardino. Era un  batuffolo di peli neri, con una macchiolina bianca impercettibile al centro del petto. E’ stato amore a prima vista. L’abbiamo coccolato e fatto giocare a più non posso fino al giorno in cui ha riattraversato la strada dalla parte opposta. Qualcuno correva troppo e non si è fermato e, a sera, tornando a casa, l’abbiamo trovato senza vita sul ciglio della strada.

Da allora tanti gatti, grandi e piccoli si sono succeduti nel nostro giardino. Ma “quello nero” ci rimarrà sempre nel cuore.

Advertisements

Informazioni su tatagioiosa

Dentro di me sono sempre stata una tata, fin da bambina quando accudivo e cullavo le bambole come se fossero vere. Nel frattempo ho girato il mondo, ho scritto e letto tanto per lavoro e per passione, ho cresciuto e sto crescendo figlie insieme ad uomo davvero speciale. La tata che è in me mi ha portato su una nuova strada, fatta di asili, filastrocche, gesti sensati, lontani dalla quotidianità come la conosciamo tutti.
Questa voce è stata pubblicata in La giornata e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

7 risposte a Quando un gatto nero ti attraversa la strada

  1. Gatto Nero ha detto:

    Sono felicissimo di leggere questo post! Finalmente qualcuno che adora i gatti neri!
    Io che sono nero posso dirlo, non porto sfortuna, anzi!!

    • liviana ha detto:

      Mercoledì 21 dicembre hanno investito il nostro gatto nero che i miei figli di sei e quattro anni avevano ribattezzato NERONE. E’ cresciuto con i miei bimbi, senza mai un agguato felino nei loro confronti ma sempre gioioso, giocoso, affettuosissio. NERONE, viveva nel nostro giardino, si arrampicava sul nostro alto pino in cerca di avventure, all’imbrunire si accovacciava sul davanzale della nostra finestra in cerca di coccole; all’alba ci aspettava sull’uscio stiracchiandosi e dandoci il buongiorno. Stavamo rientrando dalla recita di Natale di mio figlio, quando svoltando l’angolo l’abbiamo visto lì, fermo, immobile sul ciglio della strada. . . .una macchina che probabilmente andava trovvo di fretta e correva non c’è l’ha evitato. . . a chi importa di un gatto nero!!!!. Tra le lacrime e tra i pianti disperati dei miei figli ho cercato di soccorrerlo, era ancora caldo ma. . . .non ce l0ha fatta. L’ho avvolto in una calda coperta e l’ho deposto nel nostro giardino dove NERONE riposerà. Per tranquillizare i miei piccoli, compagni di mille aventure con il loro gatto preferito, ho dovuto spiegare che esiste un “Paradiso dei gatti” dove Nerone gioca e si diverte con i suoi amici gatti; ci può vedere dall’alto delle nuvole ed è sereno perchè gli hanno. . .gli abbiamo voluto tanto bene. Siamo in lutto. . .anche se può sembrare esagerato questo Natale è stato un pò meno Natale senza di lui, in fondo era un membro della famiglia. Addio Nerone, ciao. . . . tanto un giorno ci rincontreremo!!!!!

      • tatagioiosa ha detto:

        Ciao Liviana, ti capisco benissimo. Rimane la consolazione che, attraverso la vicenda di questo gatto sfortunato, i tuoi figli hanno imparato una poetica lezione sulla morte che sicuramente gli tornerà utile in futuro. Un abbraccio.

  2. Geillis ha detto:

    Io sono sempre stata una canara, fino a quando una ventina di anni fa abbiamo preso un gatto, e da allora è stato un amore totale, incondizionato. Ho due gatti che sono con me da 15 anni, li amo come fossero della famiglia, sono intelligenti, curiosi, affettuosi, coccolosi e affascinanti!!

  3. Palmy ha detto:

    Anche a me prima i gatti non piacevano, ma ora sì…non ne ho uno a casa ma dal ’95 a casa di mia mamma c’è Pepita…
    P. S. Sei invitata a share one day!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...