Ancora sull’autunno

Avrei voluto parlarvi della bellezza dell’autunno, come ho fatto nel mio ultimo post e nei commenti a quelli di Kosenrufu Mama su ciò che ci circonda in questo momento. Ma quello che sta succedendo in queste ore nel nord Italia (e che si sta spostando verso sud) mi mette a tacere.

Una mamma e due bambine sono morte sotto acqua e fango, non in India o in Pakistan nella stagione dei monsoni, ma in autunno a Genova, la città di Cristoforo Colombo, colui che è divenuto famoso in tutto il mondo per aver sfidato l’acqua degli oceani più di 500 anni fa.

Non voglio, però, rinunciare completamente ad evocare la bellezza e il calore di questa stagione, colorata di arancio, di verde, di giallo oro e di rosso, profumata di legna, di castagne, di pioggia, calda di sole pallido e di fuochi all’aperto.

Buon autunno!

 

Annunci

Informazioni su tatagioiosa

Dentro di me sono sempre stata una tata, fin da bambina quando accudivo e cullavo le bambole come se fossero vere. Nel frattempo ho girato il mondo, ho scritto e letto tanto per lavoro e per passione, ho cresciuto e sto crescendo figlie insieme ad uomo davvero speciale. La tata che è in me mi ha portato su una nuova strada, fatta di asili, filastrocche, gesti sensati, lontani dalla quotidianità come la conosciamo tutti.
Questa voce è stata pubblicata in La giornata e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Ancora sull’autunno

  1. simplymamma ha detto:

    che tristezza in questi giorni…la natura fa il suo corso siamo noi che pecchiamo di superbia!

    • tatagioiosa ha detto:

      Hai ragione: la natura ha un suo equilibrio perfetto e lo ricerca continuamente, a differenza dell’uomo. Anche se devo dire che sono rimasta colpita dalla prova di civiltà degli abitanti di Genova (v. ad esempio, il link pubblicato da Palmy sulla giornata delle insegnanti). Senza la loro lucidità e umanità sarebbe andata anche peggio.

  2. Palmy ha detto:

    Anch’io ho riflettuto molto su queste tragedie accadute e quello che ne ho tratto è che la mancanza di rispetto verso il corso della natura è deleterio. Le povere vittime ovviamente non c’entrano nulla…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...