Halloween e quel che resta dell’autunno

E così anche ottobre, Halloween, le zucche e l’arancione sono passati. Quest’anno me li sono goduti un po’ più del solito, anche se la festa delle streghe rimane per certi versi incomprensibile, forse perché da bambina non l’ho mai vissuta.Halloween

Halloween vetrinaCi pensano le nuove generazioni a farlo, con quel tipico entusiasmo verso tutto ciò che è nuovo. Non ci resta che osservarle con un sorriso. E attendere le altre gioie dell’autunno ancora tutto da proseguire.

Pubblicato in La giornata | Contrassegnato , , , , | Lascia un commento

Aree bambini cercasi

Questo episodio sta facendo il giro dei giornali nazionali. E’ accaduto a Torino: i vigili si apprestano a multare i proprietari dei cani senza guinzaglio ai giardini pubblici e questi ultimi si “vendicano” pretendendo che la multa venga consegnata anche ai bambini che giocano con una palla di gommapiuma. “Non si può. C’è scritto sul cartello”, sentenziano i presunti cinofili. “Ma non possiamo multare i bambini!”, cercano di difendersi i due vigili. Ma i padroni dei cani in libertà non vogliono sentire ragioni e minacciano di rivolgersi ai carabinieri. “Allora multate la maestra!”, dicono in coro. I vigili eseguono, intimoriti ed evidentemente incapaci di far prevalere il buonsenso sulla fredda applicazione delle regole.

Risultato? I bambini della scuola elementare non possono più giocare a palla (sebbene di gommapiuma, già scelta per non disturbare nessuno) e, insieme ai genitori, decidono di fare una colletta per pagare la multa alla maestra, “rea” di non averli tenuti in classe con un bel sole, cosa molto rara a Torino.

Vogliamo dire che è un mondo impazzito? Cani e bambini

Aggiungerei che, mentre Torino è piena di aree cani, nei parchi giochi è vietato: giocare a palla, arrampicarsi sugli alberi, calpestare i prati, entrare nelle aiuole, raccogliere fiori o frutti ecc… Che cosa dovrebbero fare i bambini in un parco, una educata passeggiata da bravi piccoli borghesi?

Pubblicato in La giornata | Contrassegnato , , , , | 6 commenti

Italia-Germania: vetrine dei giocattoli a confronto

Norimberga bamboleIn autunno, gli italiani che ancora se lo possono permettere vanno nei paesi del nord Europa in giro per i mercatini di Natale, alla ricerca del regalo da mettere sotto l’albero, anche per i bambini.

Belle queste vetrine, non è vero? Le ho fotografate a Norimberga, la città della Germania dove c’è anche un museo del giocattolo.

Mi ha colpito l’idea ancora poetica e “rotonda” che si ha dei giochi dei bambini. E’ come se le forme, i colori, le morbidezze dei giocattoli volessero conferire volutamente un’atmosfera sognante al momento del gioco infantile. Norimberga bambole2

Un bel contrasto rispetto alle vetrine dei negozi italiani, tutte mostri, plastica cinese e videogiochi.

Norimberga bambole3Forse noi italiani siamo già tanto abituati alla bellezza, all’armonia del paesaggio e dell’architettura, viziati dalla mitezza del clima, da desiderare un po’ di disarmonia e di forzata modernità. Perfino per i nostri bambini. Chissà.

Quest’anno l’autunno è arrivato presto un po’ dappertutto e le atmosfere crepuscolari ci hanno avvolto prima del tempo. Mia figlia già mi parla tutti i giorni del Natale e di come vuole organizzare la vigilia, momento magico. E i vostri figli, nipoti, allievi? Sono anche loro già in fermento?

Pubblicato in La giornata | Contrassegnato , , , , , , , | 3 commenti

E intanto, alla scuola media…

Ho sempre più spesso l’impressione di vivere fuori dal mondo; anzi, da quello che qualcuno vuole farci credere essere l’unico mondo possibile. Ho appreso con stupore e anche un po’ di irritazione che nelle scuole medie, oggi dette secondarie di primo grado, i ragazzi inventano e recitano spot pubblicitari con la sapiente regia dei loro professori.scuola media

Voi vi chiederete: e allora? che c’è di male? A parte il fatto che mi domando come vengano usati i nostri soldi pubblici, vorrei mostrarvi (ma non posso) questi video: ragazzini di undici-dodici anni che si spruzzano deodoranti immaginari e immediatamente vengono circondati da ragazzine della stessa età che li accarezzano, altri ragazzi che si fingono culturisti mentre vengono incitati a prendere delle pillole per rinforzare i muscoli, altri ancora che sono vittime di un personal trainer (sempre un poco più che bambino) che vuole fargli perdere peso, dulcis in fundo, una sfilata di moda con modelle, indovinate un po’, studentesse sempre di undici o dodici anni… insomma.

Possibile che oltre ai mass media, alla pubblicità, al consumismo, al culto del corpo e della moda, al mondo non esista niente che valga la pena di essere insegnato ai ragazzi? Dove sono finiti i grandi classici da cui si imparava a vivere, amare, combattere, morire? Allora tanto vale lasciarli tutto il giorno davanti a internet o alla tv. Almeno scelgono loro il programma, invece di professori aspiranti-registi. Grrrrr…

Pubblicato in Scuola | Contrassegnato , , , , , , , , | 2 commenti

Con i bambini, nelle case dei sardi antichi

C’è una cosa che sicuramente divertirà e farà bene ai vostri bambini, soprattutto se siete in vacanza in Sardegna: visitare un sito archeologico.

Noi lo abbiamo fatto; siamo stati al villaggio nuragico Romazesu, a Bitti, in provincia di Nuoro. Dopo qualche chilometro in strade sterrate, con un po’ di timore di essere finiti in un covo di qualche bandito locale e dopo aver telefonato per verificare che fosse aperto, siamo arrivati.

RomanzesuE ne è davvero valsa la pena. E’ un posto misterioso, immerso un fantastico bosco di sugheri, pieno di sentieri e nascondigli molto attraenti per i bambini. Gli archeologi e i custodi che lo presidiano sono colti e gentili, devoti come pochi alla loro bella terra.

Romanzesu1Sarà bellissimo ritrovarsi all’interno delle capanne e dei templi della regione più antica d’Italia, una delle più antiche d’Europa.

Romanzesu2E non spaventatevi se farete qualche incontro indesiderato fra le pieghe dei massi millenari. A noi è successo, ma le serpi sarde non sono mai velenose, lo sapevate?

Pubblicato in Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , | Lascia un commento

ESSERE BRAVI GENITORI? SI PUO’! Il manuale è online

Cari genitori e aspiranti tali, il primo capitolo del manuale “Essere bravi genitori? Si può!“, scritto, diretto e interpretato da tatagioiosa è in linea e scaricabile gratuitamente!

Nel primo capitolo si parla di concepimento, gravidanza, nascita e primi mesi di vita del bambino nell’era 2.0 e non solo.

Basta fare click qui sotto e… buona lettura!

Gabrielle e Jean di Pierre Auguste Renoir

ESSERE BRAVI GENITORI? SI PUO’!

Pubblicato in Educazione, Uncategorized | Contrassegnato , , , , , , , | 2 commenti

L’eterno incanto di Venezia

Dopo anni ho finalmente coronato il mio sogno: tornare a Venezia.

Ho trovato una città splendente, bianca, sfarzosa e ricamata. In una parola, bellissima.

Di fronte a tanta bellezza le parole suonano spesso un po’ vuote. Quindi lascio parlare le immagini, anche se prese con una modesta macchina digitale, indegna delle amiche blogger che usano obiettivi da professionisti. Eccole:Venezia canale Venezia slogan Venezia piazzetta Venezia rialto Venezia San Marco Venezia gondoleVenezia gondoliere

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Questa e molto altro era Venezia ieri, 6 luglio 2013, uno dei luoghi più belli del mondo, una città che tutto il mondo ci invidia. E noi che non facciamo altro che lamentarci. A volte, basterebbe molto poco. A volte basterebbe spostare lo sguardo.

Buona domenica!

Pubblicato in La giornata | Contrassegnato , , | 2 commenti